We are apologize for the inconvenience but you need to download
more modern browser in order to be able to browse our page

Download Safari
Download Safari
Download Chrome
Download Chrome
Download Firefox
Download Firefox
Download IE 10+
Download IE 10+

14 gennaio 2019

Grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo è stata avviata un’importante attività di recupero architettonico di Palazzo Angeli. Lo storico edificio settecentesco situato nel cuore di Rovigo ritroverà finalmente l’antico splendore. Al termine delle attività di restauro conservativo, volte a restituire all’edificio la sua funzionalità ed il suo valore storico-artistico, Palazzo Angeli ospiterà la sede della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Ferrara.

Un restauro innovativo

palazzo_angeli_intro_1

L’edificio è stato realizzato a conclusione di un periodo di grande attività architettonica che ha interessato la città di Rovigo.

Il progetto, firmato dall’architetto veronese Francesco Schiavi, è stato portato a termine nel 1780, su richiesta del conte Giovanni Battista Angeli.

Dal 1876 il palazzo appartiene al Comune di Rovigo; al termine del restauro ospiterà la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Ferrara.

Le attività di recupero architettonico di Palazzo Angeli sono iniziate ufficialmente il giorno 14 gennaio 2019.

Le operazioni di progettazione ed esecuzione saranno gestite attraverso l’innovativo modello di gestione BIM (Building Information Modeling).

I vantaggi associati a questo metodo producono benefici sia in fase di esecuzione dei lavori sia nelle future attività di gestione, controllo e manutenzione dell’edificio.

Considerata l’importanza storica di Palazzo Angeli e la futura destinazione d’uso saranno applicate metodiche innovative anche in materia di prevenzione incendi attraverso l’applicazione del metodo FSE (Fire Safety Engineering).

Per il suo carattere innovativo il cantiere sarà oggetto di studio e approfondimento per gli studenti di Ingegneria dell’Università di Padova, che potranno visionare i progetti e gli studi realizzati per questa importante attività di recupero, anche attraverso visite periodiche al cantiere.